fbpx

DECRETO RILANCIO

Premessa

Il Decreto Rilancio ha previsto lo stanziamento di 55 miliardi di euro finalizzati a far ripartire il Paese colpito gravemente dall’emergenza epidemiologica.

INDICE

Gli ambiti d’intervento

La vastità del Decreto Rilancio consente allo stesso di operare in svariati ambiti. In sintesi, trattasi di:

  • famiglie;
  • lavoro;
  • sostegno al reddito;
  • imprese;
  • turismo;
  • mobilità urbana;

Le misure più rilevanti

Tra i molteplici interventi, saranno trattati ora succintamente quelli di maggior rilievo. Per talune misure – quali, a titolo esemplificativo, quelle concernenti i contributi a fondo perduto in favore delle imprese – si rimanda invece all’apposito articolo raggiungibile tramite i vari link di riferimento.

Reddito di emergenza

Tra le novità più significative spicca il reddito di emergenza, che prevede un sostegno economico per le famiglie la cui attestazione ISEE sia inferiore a 15.000 euro. La durata del reddito di emergenza è di due mesi e l’importo del sostegno va da un minimo di 400 euro a un massimo di 800 euro a seconda del reddito familiare. Il patrimonio mobiliare massimo, risalente al 2019, è fissato a 10.000 euro per poter usufruire del supporto economico in analisi, un limite che viene innalzato di 5.000 per ogni componente del nucleo famigliare oltre il richiedente fino a un massimo di 20.000 euro.

Bonus partite IVA

Tra i contributi a fondo perduto si segnalano le nuove indennità a favore dei lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica. Tra le novità più attese emerge il bonus per le partite IVA pari a 600 euro, aumentato fino a 1.000 euro nel caso in cui l’interessato dimostrasse di aver registrato perdite superiori al 33% rispetto al fatturato dello stesso periodo nel 2019.

– La cassa integrazione

A favore delle imprese è stata prorogata di ulteriori cinque settimane la cassa integrazione, per chi abbia già fruito delle 9 precedenti, nel periodo che va dal 23 febbraio al 31 agosto 2020.

È possibile altresì richiedere ulteriori 4 settimane per il periodo che va dal 1° settembre al 31 ottobre 2020.

– Il bonus baby sitter

In ambito familiare tra le misure più importanti si segnala quella rivolta ai genitori con figli di età inferiore ai dodici anni, che possono da oggi fruire del bonus baby sitter. L’ammontare di tale agevolazione raddoppia da 600 euro a 1.200 euro per i genitori, come detto, di figli fino ai 12 anni di età, mentre non è previsto limite anagrafico in caso di figli disabili. Lo stesso bonus può essere usato anche per pagare centri estivi

Contributi a fondo perduto a favore delle imprese

Sospensione del pagamento Irap

Un’altra misura destinata questa volta alle imprese è quella che ha previsto l’abolizione della rata di giugno dell’IRAP (il saldo del 2019 e il primo acconto del 2020). Possono usufruire di tale esenzione tutte le imprese che hanno fatturato non più di 250 milioni di euro nel 2019.

Parziale rimborso del canone di locazioni ad uso non abitativo e simili

Altra misura prevista dal Decreto Rilancio Italia di favore per le piccole-medie imprese (in questo specifico ambito sono tali quelle che hanno fatturato meno di 5.000.000 di euro nel periodo di imposta precedente) è quella del rimborso delle spese dell’affitto tramite credito d’imposta del 60%. Il suddetto limite dei 5 milioni di euro non opera per le imprese del settore turistico-ricettive, che ne beneficiano in ogni caso.

Sostegno reddito dei dipendenti nelle imprese

Al fine di poter corrispondere il pagamento degli stipendi al personale dipendente delle imprese – ed al fine di evitare un licenziamento “di massa” – sono stati stanziati appositi fondi che garantiscano sovvenzioni fino all’80% dello stipendio del lavoratore. Conditio sine qua non è che lo stesso abbia continuato a prestare la propria attività.

Per le erogazioni a fondo perduto in favore delle imprese clicca qui per una più approfondita analisi.

Bonus vacanze

Alle famiglie con reddito ISEE inferiore a 40.000 euro verrà elargito un importo pari a 500 euro da spendere nelle strutture del territorio italiano.

Per approfondire la misura del Bonus Vacanze clicca qui.

Rimborso abbonamenti mezzi pubblici

In tema di trasporto urbano, è stato previsto il rimborso degli abbonamenti sottoscritti prima delle misure restrittive dal viaggiatore rimasti inutilizzati. All’uopo vengono forniti chiarimenti maggiori dai singoli enti (ATM, ad esempio)

Bonus biciclette e monopattini elettrici

Per approfondire in modo esaustivo tale nuovo beneficio clicca qui.

****

Si riporta il collegamento al D.L. n.34 del 19 maggio 2020.

Lo studio rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento occorresse.