fbpx

L’opposizione all’esecuzione e l’opposizione agli atti esecutivi costituiscono i rimedi previsti dalla legge a favore del debitore esecutato nell’ambito del procedimento di esecuzione.

OPPOSIZIONE ALL’ESECUZIONE 

Con questo istituto, previsto dall’art. 615 c.p.c., il debitore o il soggetto interessato ha la facoltà di contestare il diritto del creditore di procedere all’esecuzione, sia sotto il profilo dell’inesistenza che della modificazione del diritto riconosciuto nel titolo esecutivo o ancora dell’ammissibilità della pretesa coattiva.
Rientrano in questi casi le opposizioni aventi ad oggetto la legittimazione attiva e passiva all’esecuzione; altra ipotesi tipica è quella relativa alla sentenza provvisoriamente esecutiva che venga poi riformata in appello.

 

OPPOSIZIONE AGLI ATTI ESECUTIVI 

L’opposizione agli atti esecutivi è invece disciplinata dall’art. 617 c.p.c. e costituisce il procedimento con cui il debitore o il destinatario di un atto di esecuzione può far valere i vizi attinenti alla regolarità formale del titolo esecutivo, del precetto, delle notificazioni o degli atti del procedimento.
In altre parole, con questo rimedio è possibile contestare la conformità del singolo atto del processo esecutivo rispetto alle previsioni normative.

 

DIFFERENZE TRA GLI ISTITUTI DI OPPOSIZIONE ALL’ESECUZIONE E OPPOSIZIONE AGLI ATTI ESECUTIVI 

La prima differenza tra le due opposizioni è di immediata percezione e attiene ai vizi che possono essere censurati dal debitore o dal soggetto interessato; infatti, mentre con l’opposizione all’esecuzione viene contestato alla radice il diritto contenuto nel titolo esecutivo ovvero la stessa pretesa coattiva, l’opposizione agli atti esecutivi consente di rilevare l’irregolarità o la difformità del titolo esecutivo o dei singoli atti rispetto alle prescrizioni di legge; in altre parole, quindi l’una punta a contestare l’an debautur, l’altra il quomodo dell’esecuzione.

In secondo luogo, i due tipi di opposizione presentano una diversa disciplina in relazione al termine per la loro proposizione. In particolare, l’opposizione all’esecuzione può essere promossa in qualsiasi momento fino a quando non sia “stata disposta la vendita o l’assegnazione a norma degli articoli 530, 552, 569, salvo che sia fondata su fatti sopravvenuti ovvero l’opponente dimostri di non aver potuto proporla tempestivamente per causa a lui non imputabile”. Al contrario, l’art. 617 c.p.c. fissa per la proposizione dell’opposizione agli atti esecutivi il termine perentorio di venti giorni decorrenti dalla notificazione del titolo esecutivo o del precetto qualora l’esecuzione non sia stata ancora avviata ovvero, ad esecuzione iniziata, dal primo atto di esecuzione, se riguardano il titolo esecutivo o il precetto, oppure dal giorno in cui i singoli atti furono compiuti.

 

****

Lo Studio rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento occorresse.

Per conoscere i servizi che si offrono, di seguito il link alla pagina del Recupero del Credito

Logo LBMG Mail

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere le ultime notizie e gli aggiornamenti dal nostro team

Ti sei iscritto con successo!